La “linea morbida”di Repubblica con gli interessi di FCA

Ma esattamente di cosa ci si stupisce quando si apprende che la nuova linea editoriale di la Repubblica è “tenera” e accomodante nei confronti degli interessi del gruppo FCA?

Ogni radio, giornale e tv hanno dei padroni che fanno i padroni e decidono la linea. Oppure pensate che quelli che ti pagano lo stipendio ti consentano di dire che è una gran porcata che l’azienda che più di tutti ha attinto all’albero della cuccagna, e che di fatto dovrebbe essere proprietà di tutti gli italiani e non della famiglia reale Agnelli/Elkann, abbia spostato sede fiscale a Londra e sede legale ad Amsterdam e continui a chiedere soldi e sovvenzioni all’Italia?

Della FCA ho parlato a lungo (https://bit.ly/2LEZAgE), aggiungo anche che a fronte di 6.3 miliardi di euro di garanzie che chiedono allo Stato ci sono ancora storie non chiarissime sul rapporto FCA-Fisco italiano. Storie da raccontare e da approfondire. Ad esempio la transazione di “soli” 730 milioni di euro (senza sanzioni e interessi) per il passaggio del 2014 a Londra, a fronte di un contenzioso con il fisco italiano di oltre 6 miliardi, guardacaso la stessa cifra che chiedono come garanzie allo Stato italiano.

Adesso immaginate il trattamento che lo Stato avrebbe riservato al signor Mario, proprietario di un ristorante, che ha un contenzioso con il fisco per qualche migliaio di euro. Credere che avrebbe avuto sconti, denaro e garanzie così facilmente?
A fronte dei continui e ricchissimi favori a qualche grande azienda c’è un universo di decine di migliaia di PMI che sono il bancomat dello Stato senza alcuna tutela e garanzia. Se non quella di parlarne bene per poi però seguire i dettami dell’economia neoliberista occidentale. Anche ieri PD e Forza Italia Viva sono intervenuti in soccorso dei grandi players in Commissione Finanze, dove si chiedevano correzioni a tutela di chi mantiene la residenza fiscale in Italia.

Questo è il fantastico mondo dove i pesci grandi mangiano tutti i pesci piccoli e impongono le regole a loro uso e consumo. Peraltro controllando l’informazione mainstream, la cultura, la satira e tutto ciò che ha apprezzamento popolare, finiscono per farti diventare tifoso di chi ti opprime e ti usa per i suoi scopi.
Malcolm X diceva “The media’s the most powerful entity on earth. They have the power to make the innocent guilty and to make the guilty innocent, and that’s power. Because they control the minds of the masses.”
Quando lo capiremo sarà sempre troppo tardi.

Per aspera ad astra
⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.