Housing. Una casa per tutti

Le immagini di un senza tetto al freddo all’esterno di un noto negozio di abbigliamento, a secondo delle stagioni, richiama all’attenzione un tema che in Italia è molto attuale, cioè quello del diritto alla casa.

Cosa ci insegna la crisi ai tempi del Covid ?

Secondo un rapporto di Eurofound  (la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro) la pandemia del covid 19 ha avuto un effetto devastante sulle società e sulle economie europee e ha causato un significativo shock simmetrico negli Stati membri dell’UE. Le misure di sicurezza, necessarie per limitare la diffusione del virus, hanno avuto un impatto negativo sull’attività economica, determinando una crescente disoccupazione e aggravando le disuguaglianze.

Sono state introdotte varie misure per mitigare gli effetti delle misure di contenimento sul mercato del lavoro, come programmi di lavoro a orario ridotto, sussidi salariali, disoccupazione temporanea e sostegno alle imprese. Misure che nel breve periodo stanno attenuando leggermente una crisi sociale ed economica che si potrà osservare solo a fine pandemia .

Ma la pandemia ha fatto luce sulle disuguaglianze già esistenti – come il divario digitale e la disparità di accesso alla tecnologia – e in alcuni casi le ha ulteriormente aggravate poiché il suo impatto è ricaduto in gran parte sui lavoratori scarsamente qualificati / retribuiti – e su quelli dei settori più colpiti dalla crisi. E mentre ha portato innumerevoli tragedie, la crisi ha anche mostrato che quando c’è una volontà politica, c’è un modo.

Ai senzatetto può essere dato rifugio (1)

Le persone prive di documenti possono essere regolarizzate (2)

L’elenco potrebbe continuare e azioni sociali “impensabili” potrebbero diventare realtà dall’oggi al domani.

Sempre secondo il rapporto di eurofound la crisi ha mostrato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che i lavoratori più importanti ed essenziali delle società non sono quelli che pensavamo, bensi’ cassieri e autisti di autobus che hanno tenuto in piedi l’economia.

E’ per questo che il sottoscritto insieme ai  Verdi  Europei vogliamo spingere per una ripresa che non lasci indietro nessuno. Le reti di sicurezza sociale dovrebbero essere rafforzate, con accesso a un’assistenza sanitaria a prezzi accessibili per tutti e prestazioni sociali e di disoccupazione, nonché sostegno ai lavoratori autonomi a un livello che garantisca una vita dignitosa.

Una lotta europea che deve investire il nostro bel paese che dimostri che sostenere i più vulnerabili non è solo un obbligo etico, ma anche una necessità economica per il futuro del paese stesso

Un quadro di riferimento sul reddito minimo, alloggi adeguati per tutti, compresa l’abolizione dei senzatetto entro il 2030 sono più importanti che mai.

Negli scorsi giorni ad esempio in parlamento si è discusso di una nostra iniziativa in quanto verdi europei per la campagna “housing” dove chiediamo che l’accesso ad alloggi economici e di qualità diventi un diritto fondamentale, non un lusso.  La crisi COVID rende ancora più urgente per l’UE agire e lanciare un quadro di alloggi a livello europeo per aumentare gli sforzi degli Stati membri per fornire sforzi per dare a tutti case inclusive, efficienti dal punto di vista energetico e sane. La crisi degli alloggi è un’opportunità per raggiungere gli obiettivi sociali e climatici dell’UE. Il diritto alla casa deve venire prima degli interessi del mercato e le persone devono essere messe al centro della strategia abitativa per garantire una ripresa socialmente giusta. Tutti noi, indipendentemente da reddito, sesso, età o nazionalità, dobbiamo poter godere di una casa sana.

Esempi

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.