GIU LE MANI DAL MADE IN ITALY

GIU LE MANI DAL MADE IN ITALY: Accordo Marocco – Europa

Grazie allo scellerato accordo firmato con il Marocco, l’Europa ha autorizzato l’invasione di prodotti a bassissimo costo in diretta concorrenza con i prodotti italiani. Questo accordo, firmato per permettere ad alcuni “pesi massimi europei” di esportare i loro prodotti industriali in Africa, ha sacrificato la produzione agricola degli Stati Mediterranei..

L’unione Europea dovrebbe tutelare i lavoratori assicurando altresì la regolamentazione del lavoro in nero delle piccole e medie imprese d’oltre mare, perchè condizioni di lavoro così diverse, danno vita ad una concorrenza sleale che le aziende del nostro paese non sono in grado di sostenere..Noi chiediamo quindi alla Commissione di negoziare per tutta l’Europa e non solo per alcuni Stati, e di richiedere ai futuri partner, di adeguarsi ai nostri standard di diritti e sicurezza, soprattutto alimentare, al fine di tutelare i nostri consumatori e garantire una concorrenza più equa.
Dobbiamo lavorare per creare quadri normativi solidi che garantiscano investimenti sicuri. L’Unione inoltre non dovrebbe dimenticare l’importanza del settore turistico, dei servizi culturali e l’erogazione di borse di studio.

L’accordo commerciale con il Marocco, che ha ricevuto il via libera dal Parlamento con 369 voti a favore, 225 contrari e 31 astensioni, prevede l’aumento delle quote di scambio per una serie di prodotti che potranno essere importati a tariffe doganali basse o pari a zero e rappresenta una tappa verso un accordo di libero scambio.

L’accordo eliminerà immediatamente il 55% delle tariffe doganali sui prodotti agricoli e di pesca marocchini (dal 33% attuale) e il 70% delle tariffe sui prodotti agricoli e di pesca dell’UE in 10 anni (rispetto all´1% attuale).

Che fine farà così il nostro made in Italy?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.