Giovani in fuga all’estero. Sardegna e Sicilia si spopolano

C’è poco da dire e i numeri parlano chiaro!

Una lenta e costante emorragia di Italiani che espatriano in ogni angolo del mondo, la Sardegna e la Sicilia non fanno eccezione, in cerca di condizioni di lavoro più favorevoli delusi da fattori cronici Italiani: bassa retribuzione, bassa competitività e ridotte possibilità di carriera.

Circa un giovane su quattro, appena coglie un’occasione di lavoro prepara i bagagli e parte lontano dalla propria terra, di questi in gran parte sono giovani laureati e diplomati che non trovano soddisfazioni e sbocchi lavorativi che li valorizzino.

I cittadini italiani residenti all’estero nel 2020 secondo i dati AIRE sono 5.486.081, il 9,1% della popolazione italiana con un aumento delle nuove iscrizioni, rispetto al 2019, di ben 198 mila iscrizioni (+3,6%) e +7,3% nell’ultimo triennio.

In 15 anni siamo passati dai 3,1 milioni ai quasi i 5,5 milioni di Italiani Residenti all’Estero con un aumento complessivo della mobilità italiana del +76,6%, una crescita ininterrotta che ha visto sempre più assottigliarsi la differenza di genere (le donne sono passate dal 46,2% al 48 % sul totale iscritti nel 2020).

Si tratta di una collettività che si sta ringiovanendo a seguito delle nascite all’estero (+150,1%) e della nuova mobilità costituita sia da nuclei familiari con minori al seguito (+84,3% della classe di età 0-18 anni) sia da protagonisti giovani e giovani-adulti immediatamente e pienamente da inserire nel mercato del lavoro (+78,4% tra 19-40 anni).

Osservando gli ultimi dati ISTAT, nel 2006 il 68,4% dei residenti ufficiali all’estero aveva un titolo di studio basso – licenza media o elementare o senza nessun titolo, il 31,6% era in possesso di un titolo medio alto (diploma, laurea o dottorato).

Nel 2018 il 29,4% è laureato o dottorato, il 29,5% è diplomato mentre il 41,5% è ancora in possesso di un titolo di studio basso o non ha titolo, con una crescita del +193,3% delle persone che parte con almeno un  diploma, dato quest’ultimo, che sfata la narrazione della mobilità come quasi esclusivamente composta da persone qualificate occupate in nicchie di lavoro prestigiose e specialistiche quando, invece, a crescere sempre più è la componente “dei diplomati” alla ricerca all’estero di lavori generici.

Negli ultimi 15 anni la presenza degli italiani all’estero ha preferito l’area latino-americana con una crescita di circa 2,2 milioni di residenti a inizio 2020, tra le mete preferite troviamo l’Argentina (+464.670) e il Brasile (+329.206).

In Europa, negli ultimi 15 anni, l’emigrazione degli italiani è cresciuta maggiormente grazie alla nuova mobilità con ben +1.119.432, per un totale a inizio 2020 di circa 3 milioni di residenti italiani, dove riemergono i paesi di vecchia mobilità con: +242,1% la Spagna, +147,9% il Regno Unito (circa 215 mila nuove iscrizioni), +47,2% la Germania (circa 252 mila nuove iscrizioni), +38,0% la Svizzera (circa 174 mila nuove iscrizioni), +33,4% la Francia (circa 109 mila nuove iscrizioni), +27,3% il Belgio (circa 59 mila nuove iscrizioni),

Le crescite più significative degli ultimi 15 anni caratterizzano paesi che è possibile definire “nuove frontiere” della mobilità più recente, ad esempio: Malta (+632,8%), Portogallo (+399,4%), Irlanda (+332,1%), Norvegia (+277,9%) e della Finlandia (+206,2%).

Sempre tra il 2006 al 2020 i residenti italiani in Oriente, abbiamo la seguente situazione: Emirati Arabi (+9.862), Cina (+7.676), Giappone (+3.340), Singapore (+3.185) e Repubblica di Corea del Sud (+566).

 

Se a livello nazionale la popolazione residente si è ridotta di quasi 189 mila unità, gli iscritti all’AIRE sono aumentati nell’ultimo anno del 3,7% che diventa il 7,3% nell’ultimo triennio.

In Italia se osserviamo i dati, nel gennaio 2020 tutte le regioni perdono abitanti, con maggiore spopolamento al Sud tra cui: la Sicilia (-35.409), la Campania (-29.685) e Puglia (-22.727); con una presenza italiana nel mondo soprattutto meridionale (2,6 milioni, 48,1%) di cui il 16,6% (poco più di 908 mila) delle Isole Sicilia e Sardegna; quasi 2 milioni (36,2%) sono originari del Nord Italia e quasi 861 mila (15,7%) del Centro.

Nelle prime posizioni per numero di iscritti all’AIRE, solo le città italiane più grandi, tutte capoluoghi di regione: nell’ordine, Roma, Milano, Torino, Napoli, Genova e Palermo. Mentre si hanno incidenze molto più elevate nelle città molto piccole al di sotto delle 40 mila unità: Licata (12° posto, incidenza 47,1%), Palma di Montechiaro (20°, 53,1%) e Favara (24°, 33,0%). A un occhio attento non sfugge che si tratta di territori meridionali, siciliani, agrigentini.

Scendendo al dettaglio provinciale, il primo territorio che si contraddistingue, con 371.379 iscritti, è quello di Roma e, a seguire, due province “minori” – Cosenza (178.121) e Agrigento (157.709) – rispetto ai successivi luoghi che comprendono nuovamente le metropoli più grandi e, allo stesso tempo, i capoluoghi di regione come Milano (149 mila), Napoli (quasi 146 mila), Salerno (144 mila) e Torino (quasi 132 mila).

Gli italiani che si spostano lo fanno principalmente in età lavorativa (il 55% ha un’età compresa tra i 18 e i 44 anni) e con figli minori al seguito (26%).

I dati raccolti su base provinciale evidenziano un secondo errore di narrazione della mobilità italiana odierna.

Se è vero che la prima regione da cui si parte per l’estero oggi in Italia è la Lombardia è altrettanto vero che vi è un divario tra città e aree interne, dato più evidente al Sud con partenze del doppio verso il Settentrione e verso l’estero.

A svuotarsi sono i territori interni già provati da spopolamento e sfortunate congiunture economiche, si tratta, in altre parole, di territori che oggi hanno bisogno di trovare uno sguardo di prossimità che sappia esaltare la persona e le sue relazioni, uno sguardo che vada oltre la tradizione e abbia imparato dalla pandemia cosa significhi essere prossimi nella distanza.

L’analisi dei contesti provinciali conferma nuove modalità di vivere il territorio abitando il mondo essendo diversamente presenti attraverso nuove idee di sviluppo e lavoro.

Ecco il documento completo con tutte le tabelle 04.2021_L’emigrazione degli italiani all’estero

 

https://www.migrantes.it/rapporto-italiani-nel-mondo-2020/

https://www.migrantes.it/wp-content/uploads/sites/50/2020/10/Sintesi_RIM2020.pdfRIM-2020_allegatistatistici.pdf

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.