Gasdotto Italia-Malta. Corrao Greens/EFA: “A rischio siti protetti”

L’eurodeputato siciliano interroga la Commissione UE: “Bruxelles stoppi il gasdotto e intervenga sull’uranio impoverito”.

“La corsa all’approvvigionamento del gas genera mostri. Non permetteremo che il gasdotto Italia-Malta, richiesto dal Governo maltese, distrugga i siti naturali protetti dall’UE a Gela, in Sicilia. Ho chiesto alla Commissione UE di intervenire anche sull’uranio impoverito, le cui tracce sono state scoperte nel fondale marino davanti Gela” – così l’eurodeputato del gruppo Greens/EFA Ignazio Corrao annuncia la sua interrogazione alla Commissione UE in seguito al parere della Riserva del Biviere di Gela sul gasdotto Italia-Malta, reso noto dal giornalista Simone Olivelli di Meridionews.

“Il parere della Riserva del Biviere di Gela sul gasdotto, inviato al Ministero per la Transizione ecologica – spiega Corrao – parla chiarissimo: c’è un forte cumulo degli impatti ed elevati costi ambientali. E’ inaccettabile che il tracciato del gasdotto, finanziato dall’Unione europea, ricada all’interno di aree Natura 2000, tutelate dalla stessa UE” – prosegue l’eurodeputato siciliano.

“Il conflitto russo-ucraino ha infiammato la discussione sugli approvvigionamenti di gas. Questa settimana in Parlamento UE chiederemo alla Commissione di rivedere la lista dei ‘progetti PCI’ di interesse comune, che comprende progetti ormai fuori dalla storia, come il gasdotto Italia-Malta. Dobbiamo scongiurare il rischio che in nome del gas si distrugga l’ambiente. Tutti i progetti di nuove infrastrutture fossili e gas vanno sostituiti da infrastrutture per l’energia sostenibile alternative”.

“E’ agghiacciante venire a sapere che, come emerge dalla relazione dell’ente, nel fondale del Golfo di Gela interessato dal gasdotto, ci siano elevate concentrazioni di Uranio 238 e del Torio 234. Per questo ho chiesto alla Commissione Ue di valutare l’eventuale violazione di norme comunitarie nella realizzazione del gasdotto ma soprattutto di intervenire immediatamente sulla tutela della popolazione minacciata dalla presenza dell’uranio impoverito” – conclude Corrao.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.