Fondi UE per l’ occupazione giovanile

Il tasso di occupazione in Sicilia delle persone tra i 20 e i 64 anni (42,4% nel 2014) è il più basso di tutte le regioni europee. Lo dice l’Eurostat nel 2015. Un primato drammatico che grida vendetta in una terra che potrebbe essere una delle più ricche d’Europa. Come i Fondi europei possono aiutare i giovani disoccupati siciliani?

Oltre al FESR, l’altro grande bacino di risorse economiche a cui la Sicilia potrà attingere per rilanciare l’occupazione giovanile è il Fondo Sociale Europeo 2014-2020. Lo strumento del PO FSE Sicilia 2014-2020 finanzierà con quasi 900 milioni di euro gli interventi nel settore della formazione, dell’inclusione sociale e dell’occupazione. Una dotazione finanziaria che è però di gran lunga più bassa rispetto a quella della programmazione precedente 2007-2013, che era di 2,1 miliardi di euro.

Un’attenzione specifica nei prossimi anni verrà rivolta all’obiettivo dell’occupazione giovanile, vero punto debole della situazione siciliana. Basti pensare i giovani Neet, cioè quei giovani che non lavorano e non partecipano ad alcuna attività formativa, in Sicilia sono 352.000, pari al 37,7% della popolazione nella fascia di età 15-29 anni.

Andiamo dunque a vedere nel dettaglio come la Regione intende utilizzare il Fondo Sociale Europeo per combattere la disoccupazione giovanile.

All’interno del PO FSE Sicilia 2014 -2020, l’Asse 1, dotato di 250 milioni di euro, è quello dedicato all’occupazione. A concentrarsi sui giovani sarà l’obiettivo 8.1 “Aumentare l’occupazione dei giovani”

Gli interventi seguiranno due direttrici :

–  la qualificazione del capitale umano mediante interventi diretti (alta formazione, incentivi alla mobilità transazionale etc.)

–  Inserimento dei giovani formati e/o formandi nel mondo del lavoro attraverso tirocini, apprendistato, stat up d’impresa etc.

Essi spazieranno dall’orientamento al tutoraggio, dalla formazione (inclusi anche i percorsi di IeFP) al tirocinio extra curriculare (formativo e professionale) e all’apprendistato in tutte le sue forme. Inoltre, si prevede di operare a sostegno del collocamento lavorativo dei giovani con una specifica attenzione al settore green (quali ad esempio ristrutturazioni a scopo energetico e ambientale, recupero e riuso, sviluppo della filiera corta del legno, gestione dei rifiuti), del turismo e dei servizi alla persona.

Ecco le specifiche Azioni che verranno attivate nell’ambito dell’obiettivo 8.1 “Aumentare l’occupazione dei giovani”

  • 1.1 Misure di politica attiva con particolare attenzione ai settori che offrono maggiori prospettive di crescita (ad esempio nell’ambito di: green economy, blue economy, servizi alla persona, servizi socio-sanitari, valorizzazione del patrimonio culturale, ICT)
  • 1.3 Percorsi di formazione per i giovani assunti con contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, preceduti e corredati da campagne informative e servizi a supporto delle imprese
  • 1.4 Percorsi di apprendistato di alta formazione e ricerca e campagne informative per la promozione dello stesso tra i giovani, le istituzioni formative e le imprese e altre forme di alternanza fra alta formazione, lavoro e ricerca.
  • 1.5 Intervento di rafforzamento delle risorse umane delle imprese attraverso incentivi all’assunzione di personale qualificato (azione di supporto al RA 3.5) in raccordo con il Ministero del Lavoro
  • 1.6 Creazione e rafforzamento di punti di contatto per il profiling, l’accompagnamento al lavoro, l’orientamento, il bilancio di competenze e l’inserimento in percorsi di formazione ed inserimento lavorativo anche per i NEET NB: Tra le funzioni che possono svolgere i punti di contatto da evidenziare anche il profiling e l’accompagnamento al lavoro. Il profiling si introduce con la YEI, ma potrebbe interessare l’intera programmazione 2014-2020.
  • 1.7 Percorsi di sostegno (servizi di accompagnamento e/o incentivi) alla creazione d’impresa e al lavoro autonomo, ivi compreso il trasferimento d’azienda (ricambio generazionale);

Le azioni investiranno a titolo prioritario quelle aree urbane che presentano caratteri di relativo maggiore svantaggio, e che si riferiscono alla strategia sull’Agenda urbana.

Principali gruppi di destinatari

I destinatari delle azioni saranno Giovani fino ai 35 anni. Prioritariamente NEET 15-29, giovani in cerca di lavoro, giovani inattivi, giovani disoccupati, giovani che non cercano attivamente lavoro ma sono disponibili al lavoro.

Tipologia di beneficiari

I beneficiari degli interventi saranno prevalentemente: Servizi per l’Impiego pubblici e privati, Enti pubblici, imprese, enti di formazione, cooperative sociali, Istituzioni scolastiche, università, centri di ricerca, enti bilaterali, enti strumentali della Regione Siciliana.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.