Fondi Erasmus+ per progetti di cooperazione (istruzione, formazione, gioventù)

Si tratta del bando Erasmus+ EACEA/26/2017 – Azione chiave 3: Cooperazione con la società civile in materia di istruzione, formazione e gioventù, che ha l’obiettivo di fornire un sostegno strutturale alle ONG europee e alle reti a livello UE che perseguono obiettivi di interesse europeo nei settori dell’istruzione e formazione o della gioventù.

Cosa finanzia?

 Il bando finanzia Azioni di due Tipologie

Tipo 1 – Cooperazione con la società civile: istruzione e formazione
Il sostegno previsto da questo tipo consiste in una convenzione quadro di partenariato della durata di tre anni, dal 2018 al 2020.

Il sostegno è destinato a ONG europee e reti a livello UE attive nel settore dell’istruzione e formazione che promuovono l’attuazione di riforme e azioni nei seguenti ambiti:
– Promuovere l’istruzione inclusiva per tutti attraverso azioni mirate incentrate sull’attuazione delle priorità stabilite nella Dichiarazione di Parigi, in particolare: promuovere un ambiente di apprendimento inclusivo e democratico che faciliti l’integrazione di allievi svantaggiati (compresi i migranti); potenziare la cooperazione con famiglie, servizi sociali, società civile, parti sociali e settore dell’apprendimento non formale; sostenere insegnanti, formatori e responsabili di istituti d’istruzione nella gestione della diversità e nella promozione di un ambiente di apprendimento equo e imparziale; promuovere un approccio di apprendimento permanente per facilitare il completamento di percorsi formativi e il passaggio tra diversi settori e livelli di istruzione; migliorare i meccanismi di governance, finanziamento e monitoraggio dell’istruzione; contribuire a formulare pedagogie innovative per l’insegnamento di competenze sociali e civiche.
– Potenziare l’acquisizione di una vasta gamma di competenze da parte di tutti i cittadini, sostenendo l’acquisizione di competenze di base e di competenze chiave, ad esempio facilitando i percorsi di apprendimento flessibili o alternativi, sviluppando un apprendimento per adulti e un’istruzione e formazione professionale di qualità, promuovendo l’apprendimento basato sul lavoro, i tirocini, gli apprendistati e il volontariato; favorire approcci interdisciplinari e strumenti di orientamento e sostegno per la formazione degli insegnanti; promuovere strumenti europei per la trasparenza e il riconoscimento dell’apprendimento precedente e dell’esperienza.
– Sostenere gli insegnanti, il personale e i dirigenti degli istituti d’istruzione e formazione, promuovendo carriere attraenti, migliorando le politiche di selezione, assunzione e mantenimento, promuovendo lo sviluppo professionale continuo accessibile, conveniente e pertinente, favorendo le comunità di apprendimento professionale, contribuendo allo sviluppo di comunità e risorse online per i professionisti dell’istruzione.
– Promuovere l’eccellenza e l’innovazione attraverso l’apprendimento formale, non formale e informale e l’offerta di competenze chiave e di base imperniata sul discente, il sostegno all’uso efficace delle tecnologie digitali in pedagogie innovative, l’ampliamento dell’offerta e fruizione delle opportunità di apprendimento (ad esempio attraverso la sensibilizzazione di approcci educativi innovativi (risorse educative aperte (OER) e corsi online aperti e di massa (MOOC)), la creazione di ambienti di apprendimento aperti e partenariati intersettoriali con stakeholder, il rafforzamento dei legami tra istituti di istruzione e formazione e il mondo esterno, la raccolta di dati e l’analisi su istruzione e formazione, esplorando anche approcci di finanziamento alternativi.

Il piano di lavoro (triennale) deve dimostrare che l’organizzazione candidata è in grado di generare un impatto concreto in almeno due degli ambiti sopra indicati.

Il programma di lavoro annuale dell’organizzazione deve prevedere attività che possono essere realizzate a livello europeo, transfrontaliero, nazionale, regionale o locale, consistenti in (elenco non esaustivo):
– attività volte a favorire l’accesso e la partecipazione degli stakeholder all’attuazione delle priorità politiche dell’UE in materia di istruzione e formazione
– scambi di esperienze e buone pratiche, creazione di reti e partenariati con altri stakeholder
– rafforzamento delle capacità per le organizzazioni affiliate
– studi, analisi, indagini, relazioni sulle priorità dell’UE in materia di istruzione e formazione
– attività di sensibilizzazione, informazione, divulgazione e promozione (seminari, workshop, campagne, incontri, dibattiti pubblici, consultazioni, ecc.) riguardanti priorità politiche dell’UE nel campo dell’istruzione e formazione e strumenti di finanziamento dell’UE
– progetti di cooperazione volti ad accrescere l’impatto politico su gruppi di beneficiari, settori e/o sistemi interessati.

Tipo 2 – Cooperazione con la società civile: gioventù
Il sostegno previsto da tipo di Azione consiste in una convenzione quadro di partenariato della durata di tre anni, 2018-2020, oppure in una sovvenzione di funzionamento annuale per il 2018. E’ possibile presentare una sola candidatura, o per la convenzione quadro o per la sovvenzione annuale.

Il sostegno è destinato a ONG europee e reti a livello UE attive nel settore della gioventù che perseguono i seguenti obiettivi:
– promuovere una maggiore partecipazione dei giovani alla vita civica e democratica in Europa, contribuire al dibattito su/allo sviluppo delle questioni politiche che riguardano i giovani a livello europeo, nazionale, regionale o locale, incoraggiare il voto nelle elezioni del Parlamento europeo, favorire la responsabilizzazione dei giovani nella società e la loro partecipazione ai processi decisionali.
– incoraggiare l’accesso equo e paritario dei giovani alle opportunità, facilitare l’integrazione nel mercato del lavoro e l’occupabilità giovanile, aumentare l’inclusione sociale di tutti i giovani e la loro partecipazione ad attività di solidarietà.
– favorire lo sviluppo di competenze e capacità attraverso l’apprendimento non formale, le organizzazioni giovanili e il lavoro giovanile, promuovere l’alfabetizzazione digitale, l’apprendimento interculturale, il pensiero critico, il rispetto della diversità e i valori di solidarietà, pari opportunità e diritti umani tra i giovani in Europa.

Il programma di lavoro annuale dell’organizzazione candidata deve prevedere attività orientate ai giovani funzionali agli obiettivi indicati, in particolare:
– programmi di apprendimento e di attività non formali e informali destinati ai giovani e ai giovani lavoratori
– attività per lo sviluppo qualitativo del lavoro giovanile
– attività per lo sviluppo e la promozione degli strumenti di riconoscimento e trasparenza nel settore della gioventù
– seminari, incontri, laboratori, consultazioni, dibattiti dei giovani sulle politiche giovanili e/o questioni europee
– consultazioni dei giovani come contributo al dialogo strutturato nel settore della gioventù
– attività per la promozione della partecipazione attiva dei giovani alla vita democratica
– attività per la promozione dell’apprendimento e della comprensione interculturale in Europa
– attività e strumenti riguardanti i media e la comunicazione sui temi relativi ai giovani e sulle questioni europee

Le candidature possono essere presentate per uno dei due lotti, non per entrambi.
Nell’ambito dei loro programmi di lavoro le organizzazioni candidate sono anche incentivate a collegare le attività all’Anno europeo del patrimonio culturale 2018.

 

Chi sono i Beneficiari?

  1. Organizzazioni non governative europee attive nel settore dell’istruzione e formazione o della gioventù.
  2. Reti di ONG a livello UEattive nel settore dell’istruzione e formazione o della gioventù.

 

Qual è l’entità del contributo?

Tipo 1: la sovvenzione annuale massima, nell’ambito di una convenzione quadro triennale, sarà di 125.000 euro se il sostegno è richiesto da ONG europee, o 200.000 euro se richiesto da Reti a livello UE.

Tipo 2: La sovvenzione annuale massima sarà di 50.000 euro nel caso di convenzioni quadro di partenariato, o 35.000 euro nel caso di sovvenzione di funzionamento annuale.

 

Quali sono le modalità di partecipazione?

Per la presentazione delle candidature è necessario registrarsi al Portale dei partecipanti al fine di ottenere un Participant Identification Code(PIC). Il PIC sarà richiesto per generare l`eForm, (formulario elettronico) e presentare la candidatura on line.

 

Quando Scade?

Il bando scade il 14 dicembre 2017

 

Quante risorse sono disponibili?

Per l’anno 2018 sono stati stanziati 6.500.000 euro, così ripartiti:
– Tipo 1: 2.500.000 euro
– Tipo 2: 4.000.000 euro

 

Per maggiori info

https://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/funding/civil-society-cooperation-in-field-education-and-training-and-youth_en

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *