Fatti o opinioni? Cosa conta veramente nel lavoro da parlamentare

Ho sempre ritenuto che fosse giusto fare parlare i fatti. Se ci fate caso ogni giorno, giornali e televisioni ci bombardano con messaggi del tipo: Tizio pensa questo, Caio invece propone questo. Sempronio dal canto suo ribatte dicendo questo. E così via, giorno dopo giorno, opinioni su opinioni. Come se nel lavoro contassero solo quelle anziché i fatti. Ora immaginate di lavorare per un’azienda, pubblica o privata che sia e di incontrare il vostro datore di lavoro, il vostro responsabile o un vostro collega e confrontandovi sul lavoro, sul carico delle cose fatte o da fare e voi parliate di opinioni anziché di cose realizzate o da realizzare. Come minimo sareste giudicati quantomeno improduttivi e ovviamente rischiereste il posto. Così non è a quanto pare per certa politica o per alcune istituzioni. Io la penso esattamente al contrario. Devono parlare i fatti, le cose tangibili e concrete. Così periodicamente faccio un check delle mie attività e provo a sintetizzarle sul mio blog. Approfitto dell’inizio del nuovo anno per fare il punto sulle interrogazioni presentate dal primo luglio e cioè dall’inizio della legislatura e in questi sei mesi. Trasformo in interrogazioni alla Commissione Europea tutte quelle istanze che pervengono dal mio territorio e se vi è attinenza, per l’appunto chiedo risposte alla Commissione Europea.

Nella passata legislatura 2014/2019 ho presentato, come primo firmatario e cofirmatario, 359 interrogazioni alla Commissione.

In questo mandato ho sfruttato l’esperienza passata e grazie al mio ufficio abbiamo avuto l’opportunità di ripartire a pieno regime. Da qualche anno il Parlamento ha messo alcuni limiti quantitativi per la presentazione delle interrogazioni. Attualmente la regola in vigore da la possibilità per ogni deputato di presentare massimo 20 interrogazioni nell’arco di 3 mesi. Nella seconda settimana di dicembre ho raggiunto il limite.

Vi allego l’elenco e la pagina dove potete tenervi aggiornati. Qui trovate sia le interrogazioni che le risposte della Commissione Europea. 

https://www.europarl.europa.eu/plenary/it/parliamentary-questions.html


Una replica a “Fatti o opinioni? Cosa conta veramente nel lavoro da parlamentare”

  1. Fabio li Calsi ha detto:

    Tutto ottimo
    Parliamo invece della delibera di insularità per la Sicilia…
    Anche se pare che la commissione UE sia pronta ma lo stato italiano non voglia rinunciare al gettito fiscale di quasi 1o miliardi proveniente dalla Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.