Come hanno votato gli italiani sul CETA

Il CETA è il primo accordo commerciale tra l’UE e una delle grandi economie mondiali. È inoltre l’accordo commerciale bilaterale più vasto che sia mai stato negoziato fino ad oggi.

Da oggi con questo trattato sono a rischio la democrazia, l’ambiente, la salute dei cittadini, la sopravvivenza delle piccole e medie imprese e persino i nostri risparmi. Perchè? Perchè il CETA non è un trattato di libero scambio. E’ una riforma istituzionale occulta, concepita in stanze segrete da tecnocrati non eletti e travestita da trattato internazionale. Da quando siamo a Bruxelles il MoVimento 5 Stelle ha provato in tutti i modi a denunciare quanto stesse accadendo e a metter maggiore attenzione sulla problematica, ma purtroppo non è servito a nulla. Non è servito dire che il CETA porterà a una crescita irrisoria dello 0,01% l’anno, che farà perdere il lavoro a 200.000 europei, che porterà a una contrazione dei salari reali tra i 300 e i 1.300 euro.

Non è servito a nulla spiegare che il CETA colpirà duramente la nostra agricoltura, che le importazioni di grano passeranno dalle 38 mila tonnellate attuali a oltre 100 mila, quelle di mais da 7 a 45 mila, quelle di maiale da 12 a 75 mila e quelle bovine a quasi 80 mila. Se questi numeri stupiscono, è perché in media un’azienda agricola canadese è 20 volte più grande di una europea. Come faranno i nostri piccoli e medi agricoltori e allevatori a competere con questi giganti canadesi?

Dopo il voto del Parlamento Europeo il CETA è entrato nella vita dei cittadini ed è ormai troppo tardi per fermarlo. Gli europei se lo troveranno a tavola.

E come faranno a difendersi da prodotti OGM e carne con gli ormoni? E’ vero, il CETA non permette l’ingresso automatico di OGM, ma crea una procedura affinché gli OGM siano approvati più velocemente, senza tutte le precauzioni che usiamo in Europa, e la questione non è marginale perché in Canada l’81% del mais e l’80% del grano sono OGM. La carne canadese, invece, contiene ormoni e ractopamina, sostanze vietate in Europa, ma che ritroveremo presto nei nostri piatti. E se pensate che le leggi europee basteranno a fermare il CETA, sappiate che un trattato vale più delle leggi e che questo trattato contiene un fondamentale cavallo di Troia, perché incorpora le norme sanitarie dell’OMC, usate con successo in passato da USA e Canada per attaccare il blocco europeo alla carne con gli ormoni.

Ma questo non sarà il problema principale, perché il CETA colpirà duramente la nostra sovranità. I servizi che oggi sono pubblici saranno sottoposti a un’ondata di privatizzazioniliberalizzazioni. Le clausole del CETA prima obbligheranno a liberalizzare e dopo renderanno tutte le aperture irreversibili. Dite addio a acqua, sanità e istruzione pubbliche. E se qualcuno vorrà opporsi sappia che il CETA istituirà un tribunale sovranazionale che potrà condannare gli Stati che oseranno mettere i bastoni fra le ruote alle corporation e ai loro profitti. Sembra impossibile, ma la realtà supera i peggiori incubi. Una giustizia privata a cui avranno accesso anche tre quarti delle imprese americane che operano in Europa, triangolando le azioni legali tramite le loro filiali in Canada.

Ma soprattutto il CETA è un assegno in bianco. Crea un organismo tecnocratico e non eletto chiamato “Joint Committee” che potrà interpretare e modificare i protocolli del trattato. E non si tratta di poche pagine, ma del 75% delle 1.500 pagine che lo compongono. Tutto questo senza nessun controllo democratico!

A pagina 6 e 7 di questo documento ufficiale trovate il dettaglio dei voti:https://goo.gl/AEhycw

Gli italiani che hanno votato a favore sono:

ECR: Fitto, Sernagiotto

NI: Soru

PPE: Cesa, Cicu, Comi, Dorfmann, Gardini, La Via, Mussolini, Patriciello, Pogliese, Salini, Maullu,

 

S&D: Bettini, Bonafè, Costa, Danti, De Monte, Gualtieri, Kyenge, Morgano, Picierno, Pittella, Sassoli, Toia, Zanonato, Zoffoli.

 

Gli italiani che si sono espressi contrariamente:

EFDD: Adinolfi, Agea, Aiuto, Beghin, Borrelli, Castaldo, Corrao, D’Amato, Evi, Ferrara, Moi, Pedicini, Tamburrano, Valli, Zullo

ENF: Bizzotto, Borghezio, Ciocca, Fontana, Salvini, Zanni

GUE: Forenza, Maltese, Spinelli

S&D: Benifei, Briano, Caputo, Chinnici, Cofferati, Cozzolino, Giuffrida, Panzeri, Schlein, Viotti

Verts/ALE: Affronte

 

Gli italiani che si sono astenuti:

PPE: Cirio

S&D: Gentile

 

Gli italiani che non hanno votato:

Martusciello, Matera, Tajani, Bresso, De Castro, Gasbarra, Mosca, Paolucci.


12 risposte a “Come hanno votato gli italiani sul CETA”

  1. Buonasera dobbiamo denunciare , non possiamo solo protestare non. Serve, dobbiamo denunciare formalmente con un atto giuridico, e dobbiamo sveltire le tecnologie per analizzare in casa i cibi, e denunciare.

    • Vincenzo Quaranta ha detto:

      Chi denunciare? il popolo italiano è Don Chisciotte contro i mulini a vento dell’Europa e del mondo.Bisogna fare i complimenti ancora al PD per l’ulteriore disastro economico finanziario che ci aspetta in futuro, forza piddini che il disastro totale è ormai vicino!

  2. Silvia ha detto:

    I Pezzi di merda che hanno venduto lItalia al miglior offerente per le loro tasche. Siete una piaga per la democrazia. Che Dio, se esiste, vi malefica per l’eternità! Ci ricorderemo di quei nomi noti e meno alle prossime elezioni.

  3. Alfio Cottone ha detto:

    Non bisogna fidarsi.
    Per comportarsi così, devono per forza essere tutti coinvolti e/o corrotti.
    Che schifo.

  4. GRA ha detto:

    Sgomento e amarezza, che futuro resta ai nostri figli… Mi auguro se la siano sappiano cavare, ma mi auguro soprattutto che la casta di potere utilizzi un giorno tutto il suo danaro per curarsi da mali incurabili.
    Tanto male lo auguro proprio…
    :’-(

  5. Salvatore Tredici ha detto:

    Come al solito nominate solo o prodotti agricoli ma non nominate i prodotti Ittici che arriveranno da Canada. Insomma noi pescatori professionisti Italiani non siamo ascoltati dalla politica. Come dice un pescatore anziano: noi siamo dimenticati nel dimenticatoio. Mi dispiace molto che il m5s non parli mai e nomini le problematiche dei pescatori Italiani.

  6. Fontana00 ha detto:

    Continuate a tenerdi informati

  7. Salvatore Messina ha detto:

    A cosa servono i commenti ?
    Non abbiamo la.giusta raporesentanza e poche leve per agire.
    Siamo nelle mani di nessuno .
    A cosa serve lamentarsi?

  8. Andrea ha detto:

    Bravi ragazzi. L’ALDE a livello europeo è stato uno dei principali gruppi a sostenere questo accordo, fatelo sapere a Beppe

  9. Piero ha detto:

    QUESTA GENTE FIRMA ACCORDI SENZA SAPERE COSA SONO E CHE CONTENGONO, CAPISCONO SOLO CHE FAR PARTE DI QUESTA SQUADRA SI PRENDONO I SOLDI. PER COLPA DI QUESTE COMPARSE, TUTTI GLI ITALIANI VOGLIONO BUTTARE FUORI TUTTI I POLITICI, VOGLIONO CME COME QUALCUNO AVEVA DETTO “ROTTAMARE”. LA CORRUZIONE E’ DENTRO LO STATO FUORI ESISTE SOLO IL DEGRADO DI UN POPOLO

  10. Stefano ha detto:

    Per fortuna l’azione di milioni di cittadini europei ha “costretto” la UE a mettere come regola il fatto che TUTTI i parlamenti nazionali DEVONO approvarlo perchè entri definitivamente in vigore!!! In queste sedi si potrà continuare la lotta contro questa aberrazione che chiamano Trattato!!!!

  11. giovanni ha detto:

    questi parassiti spariranno alle prossime elezioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.